I tumori della tiroide

Il tumore della tiroide è più frequente:

  • – in soggetti esposti a dosi elevate di radiazioni al collo durante l’infanzia o l’adolescenza
  • – nel sesso femminile
  • – in caso di familiarità per carcinoma tiroideo.
  • – nell’età compresa tra 15 -25 anni e tra 35-70 anni

I tipi di tumore

Esistono quattro tipi principali di tumore della tiroide in funzione dell’aspetto delle cellule tumorali al microscopio:

carcinoma papillifero o papillare;

carcinoma follicolare;

carcinoma midollare;

carcinoma anaplastico.

I carcinomi papillari e follicolari sono tumori ben differenziati, spesso localizzati alla sola tiroide, qualche volta diffusi ai linfonodi del collo e raramente a distanza. Sono di gran lunga i più frequenti. Le probabilità di guarigione sono molto alte (ottima prognosi).

Il carcinoma midollare può essere sporadico o familiare: in quest’ultimo caso più persone di una stessa famiglia possono avere il tumore perché vi è una trasmissione ereditaria dei geni anomali. I membri della famiglia colpiti sviluppano il carcinoma midollare in giovane età. Esistono oggi dei test genetici che consentono di stabilire quali sono i membri della famiglia che sicuramente svilupperanno il tumore e che dovranno sottoporsi all’intervento preventivo di tiroidectomia totale.

Il carcinoma anaplastico della tiroide è molto raro ed è più aggressivo delle forme differenziate.E’ piu’ frequente nell’età avanzata.

Gli stadi

Una volta accertata la presenza del tumore, sarete sottoposti ad ulteriori accertamenti per verificare se le cellule neoplastiche si sono diffuse ad altri organi. La stadiazione è importante per la scelta del trattamento più indicato per il vostro caso. Esistono molti tipi di classificazione e ognuna ha dei vantaggi e dei limiti. Quella più usata attualmente è la classificazione TNM dei carcinomi differenziati della tiroide, dove T rappresenta le caratteristiche del nodulo tiroideo, N i linfonodi e M le eventuali metastasi a distanza:

T1 carcinoma tiroideo < 2 cm

T2       ”            ”          tra 2 e 4 cm

T3       ”            ”          > 4 cm oppure con lieve infiltrazione extra tiroidea

T4a     ”            ”          infiltrante i tessuti molli peritiroidei

T4b     ”            ”          infiltrante la fascia prevertebrale, o i vasi carotidei o i vasi

mediastinici.

N0   linfonodi negativi

N1a linfonodi del compartimento centrale (pre e paratracheali)

N1b linfonodi latero-cervicali mono e controlaterali.

M0  nessuna metastasi

M1  metastasi a distanza.

Carcinoma differenziato della tiroide

L’insieme TNM, al quale si aggiunge il criterio importante dell’età alla diagnosi, permette di classificare i carcinomi differenziati della tiroide in 4 stadi. Qui riportiamo una breve spiegazione della classificazione:

l’età inferiore a 45 anni è un dato prognostico favorevole al punto tale che tutti i tumori, anche i più infiltranti e/o invasivi, rientrano comunque nel secondo stadio;

sopra 45 anni con N0 + M0 lo stadio da I a IVa-b  è determinato dalle dimensioni del tumore;

sopra 45 anni con   T1-3     + N1a       +  M0  stadio  III;

sopra 45 anni con   T4a      + N1a-1b  +  M0  stadio  IVa;

sopra 45 anni con   T4b      + N1a-1b  +  M0  stadio  IVb ;

sopra 45 anni con   T1-4b   + N0-1b    +  M1  stadio  IVc ;

Esistono molte altre classificazioni, che non è possibili elencare in questa sede. La terapia da adottare, in particolare nei casi più avanzati, si basa sulla considerazione di tutti i fattori prognostici, ma dipende anche molto dall’esperienza e dal confronto tra i vari specialisti coinvolti nel trattamento dei carcinomi tiroidei.

Carcinoma midollare

Stadio 0  : test di screening genetico positivo.  Nessun nodulo individuabile nella tiroide.

Detto anche carcinoma in situ, o microscopico.

Stadio I   : tumore inferiore a 2 cm di diametro, circoscritto alla tiroide.

Stadio II  : tumore tra 2 e 4 cm di diametro, circoscritto alla tiroide.

Stadio III : tumore superiore a 4 cm di diametro; oppure lieve diffusione extra-

tiroidea o ai linfonodi del compartimento centrale del collo.

Stadio IV: marcata infiltrazione dei tessuti del collo, o dei linfonodi del collo o a

distanza

Carcinoma anaplastico

Il carcinoma della tiroide anaplastico è considerato lo stadio IV dei tumori tiroidei. Esso cresce rapidamente ed è in genere già diffuso nella regione del collo quando è diagnosticato. Il carcinoma anaplastico in genere si sviluppa in individui di età avanzata.

Carcinoma della tiroide recidivante

Si definisce recidivante il tumore della tiroide che si ripresenta dopo il trattamento. La recidiva può svilupparsi nella stessa sede del tumore primitivo oppure in un altro organo.

Leave a Reply